Reclutamento docenti da graduatorie di istituto, blocco quinquennale sulla mobilità, precariato ATA, diplomati magistrale, sostegno.

Questa misura era stata condivisa dal M5S e sarebbe facilmente realizzabile, in quanto le graduatorie di istituto sono state trasformate in provinciali per l’attribuzione degli incarichi al 30 giugno e al 31 agosto e di fatto sono state equiparate alle Gae.

In questo modo si riuscirebbe a stabilizzare una grande platea, non solo i 24 mila del concorso straordinario, ma più di 100 mila docenti abilitati e quelli non abilitati che insegnano nelle graduatorie in II e III fascia. Questa sarebbe una risposta immediata e semplice al precariato. Per il personale non in possesso di abilitazione, basterebbe la frequenza di un corso abilitante per conseguire l’abilitazione una volta che svolge l’anno di prova.